NEWS ED EVENTI

La sordità non è uno scherzo

51zemD8ZcVL

Si chiama Bella, è una scrittrice, giornalista e fotografa inglese di 29 anni e racconta la sua esperienza. La sua patologia era l’otosclerosi, con 2 interventi riusciti ha riacquisito il senso perso.

Molto interessante il suo libro “RUMORE” di Bella Bathurst, Utet, 240 pp, 15.30 euro

Qui potete leggere l’interessante intervista al Corriere.it

Senza categoria

15 Aprile 2018: Concerto di musica Sacra

Con immenso piacere abbiamo organizzato con il Coro Polifonico Ilario di Poitiers e con il Coro Polifonico S. Pio X un Concerto di musica Sacra, un modo per sensibilizzare l’importanza della musica per udenti e non.

In questa occasione avremo a disposizione la Prof.ssa Elena Gallazzi che si occuperà di un laboratorio di musicoterapia per i più piccoli, per aiutare un approccio iniziale con la musica e per dare nuovi stimoli anche ai nostri bambini. Il laboratorio è per un numero limitato di posti, è indispensabile prenotarsi via mail a associazionesento@gmail.com oppure ai contatti riportati nella locandina.

Vi aspettiamo quindi più numerosi che mai Domenica 15 aprile alle ore 17 presso la Chiesa di Santa Maria del Rosario a Parma, sarà un’occasione per ritrovarsi e condividere l’importanza di sentire, valutare e percepire le sensazioni che si provano. Dopo il concerto è prevista una piccola merenda per aver la possibilità di socializzare e condividere le proprie esperienze.

Non mancare!

NEWS ED EVENTI

Dagli archivi della Rai un servizio sulla sordità

Cercando alcune cose che riguardano la sordità, siamo “inciampati” in un servizio di MEDICINA 33 di qualche anno fa sulla sordità, tra l’altro è stato girato proprio a Parma. È sempre interessante, nonostante sia passato un po di tempo, anche per capire come funziona un impianto coclearie.
La paziente che si vede alcune volte è la nostra piccola Marta che non perdiamo l’occasione di salutare.schermata-2018-03-06-alle-16-50-47-e1520351284806.png

X vedere il servizio: http://www.rai.it

NEWS ED EVENTI

Nasce ufficialmente l’Associazione SENTO

Schermata 2017-11-14 alle 08.05.03

È con molto piacere che finalmente potremo dare un inizio ufficiale anche alla nostra associazione.

Il 2 Dicembre dalle 9,30 presso l’AULA G – Ospedale Maggiore di Parma – BLOCCO CENTRALE (Strada Abbeveratoia, 14), potete leggere il programma qui sopra… Ti aspettiamo!

Vi preghiamo di dare conferma della partecipazione a associazionesento@gmail.com

Puoi sostenere la nostra Associazione con una donazione sul Conto Corrente CARIPR:
IT28N0623012710000035908788

NEWS ED EVENTI

Ritornata al mondo dei suoni

summer

Pochi giorni fa siamo venuti a conoscenza dell’esperienza di Tina, una ragazza 23enne che ha perso l’udito totalmente nel giro di un anno. Si è sottoposta all’impianto coclearie con ottimi risultati.

Siamo molto contenti per lei e siamo curiosi di conoscerla. Speriamo che faccia presto parte della nostra grande famiglia di SENTO.

 

FONTE: qsalute

NEWS ED EVENTI

IntendiMe: una Startup tutta italiana al servizio dei non udenti

Schermata 2017-04-05 alle 15.51.05IntendiMe è una start up che nasce per venire incontro alle esigenze dei pazienti audiologici, anche quelli che usano già presidi riabilitativi.

Il loro slogan è “Let the sound touch you”, il suono può diventare un tocco, come?
Stanno realizzando dei sensori grandi come una moneta che andranno applicati su ciò che vogliamo sentire (campanello, telefono, rubinetto.. qualunque cosa faccia rumore o vibrazione), che collegati al dispositivo segnaleranno il cambiamento di stato, identificando anche la fonte da cui proviene. Ad esempio se suonano all’ingresso, in tempo reale l’utente viene avvertito con una vibrazione e schermata luminosa dello smartwatch Intendi.Me.
Renderà più semplici molti gesti quotidiani che talvolta per i non udenti possono essere una difficoltà.

Ora aspettiamo “buone nuove” anche su questo fronte. Speriamo sia efficace e abbia un prezzo ragionevole.

Per info: http://www.intendi.me/it

NEWS ED EVENTI

3 marzo 2017: giornata mondiale dell’udito

Il 3 marzo scorso è stata la giornata mondiale dell’udito, handicap che coinvolge più di 7 milioni di persone (circa l’11,7% della popolazione italiana).

Ci sono storie di ogni tipo, con alcuni punti in comune per tutti: lo shock iniziale (o la presa di coscienza del problema), la riabilitazione, le difficoltà quotidiane, il confronto con la burocrazia e spesso – fortunatamente – il superamento dell’handicap.

Ognuno ha la sua storia, e il suo modo di affrontare la sordità. Ci sono viaggi della speranza (spesso dal sud verso i centri rinomati) e scelte “differenti” di comunicare (come la LIS).
Oppure l’IC: L’essere impiantati da giovani o giovanissimi fa fare passi da gigante, ogni mestiere è alla portata di tutti, non ci sono limiti se non quelli che mettiamo noi stessi… ogni professione è fattibile, anche quelle impensabili per un sordo: ci sono casi di logopediste o audioprotesiste.
Questi e molti altri casi devono essere di incoraggiamento ai genitori di bambini non udenti per dare forza e speranza. Speranza che anche i loro bambini sono “normali” perchè, detto da una normoudente, la normalità non esiste.

Claudia